Storia del caffè

La storia di come la coltivazione e il consumo di caffè si diffondono in tutto il mondo è una delle più attraenti e romantiche che ci possa essere. La storia inizia nel Corno
d’Africa, in Etiopia, dove la pianta del caffè è probabilmente originaria della provincia di Kaffa. Ci sono diverse storie, fantasiose ma improbabili, su come sono stati scoperti gli attributi dei chicchi di caffè tostato. Uno di loro racconta che un pastore di capre etiope fu stupito dal comportamento animato delle capre dopo aver masticato ciliegie di caffè rosse. Ciò che è noto con più certezza è che gli schiavi che sono stati portati da quello che ora è il Sudan per Yemen e Arabia attraverso il grande porto di quel tempo, Moca, ora sinonimo di caffè, hanno mangiato la parte succulenta e carnosa di la ciliegia del caffè. Non c’è dubbio che il caffè è stato coltivato nello Yemen già nel XV secolo e probabilmente molto prima

Moca era anche il principale porto dell’unica via marittima per la Mecca, il luogo più trafficato del mondo in quel momento. Gli arabi, tuttavia, avevano una politica rigorosa di non esportare chicchi di caffè fertili, in modo che non potessero essere coltivati altrove. Il chicco di caffè è il seme dell’albero del caffè, ma quando gli strati esterni vengono rimossi diventa sterile. Molti furono i tentativi fatti per prendere un caffè o cereali fertili, ma quella razza fu finalmente vinta dagli olandesi nel 1616, che riuscirono a portarne alcuni in Olanda e lì coltivati in serre.

All’inizio, le autorità yemenite incoraggiavano molto il consumo di caffè, poiché i suoi effetti erano considerati preferibili a quelli più forti del “Kat”, un cespuglio le cui foglie e
boccioli venivano masticati come stimolante. I primi stabilimenti per servire il caffè aprirono a La Mecca e furono chiamati “kaveh kanes“. Questo tipo di stabilimento si
diffuse rapidamente in tutto il mondo arabo ei caffè divennero luoghi molto popolari dove si giocava a scacchi, si scambiavano pettegolezzi e si cantavano balli e musica. Gli stabilimenti erano decorati con lusso e ognuno di loro aveva il suo carattere. Non c’era mai stato niente come l’istituzione del caffè: un luogo in cui la società e gli affari potessero essere vissuti in un ambiente confortevole e dove tutti potessero andare al prezzo di un caffè.

Gli stabilimenti di caffè arabi divennero presto centri di attività politica e furono soppressi. Successivamente, nei decenni successivi, gli stabilimenti di caffè e caffè furono banditi più volte, ma continuarono a riapparire. Nel tempo fu trovata una soluzione: gli stabilimenti di caffè e caffè dovevano pagare le tasse.

IL CAFFÈ ARRIVA IN ASIA

Gli olandesi cominciarono anche a coltivare caffè a Malabar, in India, e nel 1699 ne portarono alcuni a Batavia, a Giava, nell’attuale Indonesia. Alcuni anni dopo, le colonie olandesi erano diventate la principale fonte di approvvigionamento di caffè in Europa. Oggi l’Indonesia è il quarto esportatore di caffè al mondo.

IL CAFFE ARRIVA IN EUROPA

I mercanti veneziani erano quelli che portarono il caffè in Europa per la prima volta nel 1615. Fu allora che vennero anche le altre due grandi bevande calde in Europa: la prima, la cioccolata calda, portata in Spagna dagli spagnoli delle Americhe nel 1528 ; l’altro tè, che fu venduto per la prima volta in Europa nel 1610.

All’inizio il caffè veniva venduto principalmente dai venditori di limonata e si credeva che avesse qualità medicinali. Il primo caffè in Europa fu aperto a Venezia nel 1683 e fu il famoso Caffè Florian della Plaza de San Marcos, che aprì le sue porte nel 1720 ed è ancora oggi aperto al pubblico.

Il più grande mercato assicurativo del mondo, i Lloyd’s di Londra, cominciò a funzionare come un caffè. L’attività iniziò nel 1688 Edward Lloyd, che preparò lì elenchi di navi che i suoi clienti avevano assicurato.

IL CAFFÈ ARRIVA IN AMERICA

Era il 1720 quando il caffè cominciò ad essere coltivato per la prima volta nelle Americhe, grazie a quella che è forse la storia più affascinante e romantica della storia del caffè. Gabriel Mathieu de Clieu era un ufficiale della marina francese che era in servizio in Martinica e che, nel 1720, si recò a Parigi con il permesso. Con un po ‘di aiuto e non un piccolo fascino personale, ha acquistato una pianta del caffè che ha portato con sé durante il viaggio di ritorno. L’albero del caffè è stato installato in una scatola di vetro e lasciato sul ponte per tenerlo caldo e non danneggiato dall’acqua salata. Il viaggio è stato pieno di incidenti, o almeno così è stato raccontato da Mathieu de Clieu nel suo diario: i pirati tunisini hanno inseguito la nave, c’è stata una forte tempesta e l’albero del caffè doveva essere ormeggiato. Il nostro eroe è stato costretto ad affrontare un nemico a bordo che era invidioso e ha cercato di rubare (?) Il cespuglio, c’è stata una violenta lotta in cui uno dei suoi rami si è spezzato, ma la pianta del caffè è sopravvissuta a tutto questo.

Dopo questi incidenti, la nave è rimasta immobile a causa della mancanza di vento e l’acqua potabile è stata razionata. Per De Clieu era chiaro qual era il più importante di tutti e forniva la maggior parte dell’acqua che corrispondeva al caffè. La pianta del caffè è sopravvissuta e anche lui.

Alla fine, la nave arrivò in Martinica e la pianta del caffè fu ripiantata a Preebear, dove fu circondato da una siepe di spine e curato dagli schiavi. La pianta del caffè crebbe, si moltiplicò e nel 1726 fu fatto il primo raccolto. È stato registrato che nel 1777 c’erano tra i 18 ei 19 milioni di alberi di caffè in Martinica. Il modello per una nuova coltura commerciale che potrebbe verificarsi nel Nuovo Mondo era stato stabilito.

Furono gli olandesi, tuttavia, i primi a propagare la pianta del caffè in America centrale e meridionale, dove oggi regnano impareggiabili come principale coltura commerciale del continente. Il caffè arrivò per la prima volta nella colonia olandese del Suriname nel 1718, e successivamente piantarono piantagioni di caffè nella Guyana francese e il primo di molti in Brasile, nel Pará. Nel 1730 gli inglesi portarono il caffè in Giamaica, dove il caffè più famoso e costoso del mondo viene coltivato nelle Blue Mountains. Arrivati nel 1825, l’America centrale e meridionale erano in viaggio verso la destinazione del caffè. Quella data è importante anche perché è stato quando il caffè è stato piantato per la prima volta alle Hawaii, che produce l’unico caffè americano e uno dei migliori.

IL CAFFE OGGI

Per gli americani, i più grandi consumatori del mondo, Seattle è la nuova casa spirituale del caffè. La città più piovosa tra le principali città degli Stati Uniti ha dato alla luce, negli anni ’70, un caffè o una cultura “latte” prevalente negli Stati Uniti e ha notevolmente migliorato la qualità complessiva del caffè Stati Uniti. Oggi, in qualsiasi luogo pubblico negli Stati Uniti, ci saranno uno o più coffee bar che offriranno una varietà di caffè, bevande e snack.

Quella ritrovata”cultura del caffè” ha iniziato a diffondersi nel resto del mondo. Nei paesi che già avevano una grande tradizione del caffè, come l’Italia, la Germania e i paesi scandinavi, aggiunse nuovi convertiti ai piaceri del buon caffè. Oggi è possibile trovare un buon caffè in qualsiasi città importante del mondo, da Londra a Sydney e Tokyo; Domani avrai più caffè in tutto il mondo e, cosa più importante, un caffè migliore.

IL CAFFE È UN PRODOTTO BASICO MONDIALE

Non è possibile esagerare l’importanza del caffè nell’economia mondiale. Il caffè è uno dei prodotti primari più preziosi, il secondo in valore per molti anni dopo il petrolio come fonte di valuta estera per i paesi in via di sviluppo. La coltivazione, la lavorazione, il commercio, il trasporto e la commercializzazione del caffè offrono lavoro a milioni di persone in tutto il mondo. Il caffè è di cruciale importanza per l’economia e la politica di molti paesi in via di sviluppo. Per molti dei paesi meno sviluppati del mondo, le esportazioni di caffè rappresentano una parte sostanziale dei loro guadagni in valuta estera, in alcuni casi oltre l’80%. Il caffè è una merce scambiata nei principali mercati di materie prime e futures, in particolare a Londra e New York.

Ver más en: http://www.ico.org/ES/coffee_storyc.asp#sthash.Y1pX3kX5.dpuf